Search Esegui ricerca

open menu open search

SI CUCINE CUMME VOGL'I’ 
- in cucina con Eduardo De Filippo

All'interno dello splendida cornice di Santa Maria alla Fontana, un recital dalle ricette di Eduardo De Filippo raccontate dalla moglie Isabella. Letture di Roberto Trifirò
Via Gian Antonio Boltraffio, 21, 20159 Milano, Italia
961 - SI CUCINE CUMME VOGL'I’ 
- in cucina con Eduardo De Filippo
Recital di Roberto Trifirò I versi di "Si cucine cumme vogl'ì", Eduardo cominciò a scriverli molto tempo fa, a metà degli anni sessanta. In genere gli piaceva leggere poesie e commedie man mano che le andava buttando giù, e chi era stato scelto come ascoltatore veniva conquistato dal suo humor e profondità di pensiero e anche dalla sua voce incomparabile e dalla teatralità della lettura. Eppure, questo poemetto gastronomico, la moglie Isabella non lo conosceva. Gliene parlava spesso, per lui era un lavoro faticoso: non è un libro di cucina con le ricette, diceva, perciò è difficile. Le quartine elencano pietanze conosciute e amate fin dall'infanzia e come per magia riescono a renderne lo spirito antico e misterioso. Dalla ricostruzione delle ricette e dal racconto della moglie Isabella esce un ritratto poco noto di Eduardo, un lato assai simpatico della sua personalità: allegro, creativo, solare. Era, sì, goloso, ma senza sfrenatezza. Non dimenticava mai di essere nato povero. Nel suo modo di cucinare e in quello di mangiare sia in solitudine che in compagnia non c'era niente di casuale, al contrario sottintendeva un rituale puntiglioso attraverso cui cercare di creare un'armonia di sapori primigeni in cucina, e a tavola una comunione di piacere. (dalla Presentazione di Dario Fo)
###9.1875449###45.4921472###

Follow us

Copyright 1995 - 2014 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano. Partita IVA 04917150155. Tutti i diritti riservati.